Home / Jazz in villa / GIANMARIA SIMON

GIANMARIA SIMON

L’ENNESIMO MALECON

L’ennesimo Malecon è un “lungone dromensar”, cioè un lungo cammino (in lingua romanì). Racconta di chi non sa eguagliare il proprio destino, di chi fugge da un passato ingombrante, di chi tiene i sogni all’ingrasso attendendo un’occasione di riscatto. Le canzoni sono popolate da un’umanità varia e bizzarra che si muove nella penombra dei vicoli, nei sobborghi malfamati, nelle bettole più sordide, fra le macerie della civiltà, lontano dal luccichìo del centro e, per dirlo con De Andrè, dall’amore bianco vestito. Le epoche e gli idiomi si accavallano e si confondono formando un racconto corale e prismatico. In “Marizibill” (omaggio ad Apollinaire e Ferrè) incontriamo una prostituta renana disposta a vendersi per un piatto di maccheroni, in “Ussaro” un soldato napoleonico alcolista e disilluso che tenta di sottrarsi ad un’ineluttabile follia. Ci sono gli zingari di Calò e di Romalen col loro endemico fatalismo, l’indolente protagonista dello “Mismo de ti”; c’è l’amore mancato raccontato ne “L’ennesimo Malecon” e l’amore deposto cantato in “Prima che venga giorno”; c’è la mantide bellissima e crudele che divora i propri amanti de “La mante Amante e il Baro” che striscia nei bassifondi fiutando le proprie vittime. Conclude l’album “Lo chiamerei Goliardo” ridando la parola all’autore che, seduto sopra un albero, guarda benevolmente i propri personaggi lasciandoli alle loro ingarbugliate vite. La musica si nutre di molteplici suggestioni muovendosi fra suoni di fanfare slave e swing manouche, fra echi di milonghe e deserti americani col cuore vinto dall’ebbra fascinazione delle fumose “caves” esistenzialiste e dei cabaret berlinesi.

 

 

FORMAZIONE

Gianmaria Simon – Voce, chitarra, fisarmonica
Nicola “Ricciolo” Guazzagni – Contrabbasso, Basso
Nicola Bellulovich – Sassofoni
Lorenzo D’Angelo – Chitarre, cori
Cristiano “João” Rocchetta – Batteria, CORI

 

 

GENERE

JAZZ MANOUCHE

 

 

DATE

4 Giugno 2017

Prenota il biglietto

Top